Allappante Wine&Foodzine di Riccardo Milan: vino, cibo, riflessioni, letteratura ed attualità gastronomica fra il Lago d'Orta e (un poco di) mondo.

0

Per Bocche Robuste (ma non solo)

Sono andato per curiosità (grazie Valentina Casetta e grazie Giuseppina) ad uno de I Lunedì dell’Astesana. Argomento: La robiola di roccaverano dop. Sede: la Cantina di Nizza.

0

Un Ricco Banchetto Cinematografico

Sono uscito dal cinema con la stessa spossatezza che provo dopo un ricco pranzo: il sangue è impegnato in altro e ti senti svuotato di pensieri volanti. Dopo aver visto il film Annette avevo le stesse sensazioni: tutti i pensieri erano rivolti al film appena visto: un musical cinematografico.

0

Ottimo Lucioperca

l Lucioperca è usato in molte maniere: fresco, frollato, crudo, cotto… in ogni sua parte. Fa capolino financo nel logo. Lì è considerato “il re” dei pesci di lago e d’acqua dolce. L’ho assaggiato in tre preparazioni diverse: tutte ottime. Se volete assaggiarlo anche voi, andate lì. Vedrete che sorpresa!

0

Comoli Chef

Si parlava settimane fa sulla rete di Bagna Caoda (o Cauda, non so) e lui è intervenuto, mostrando le sue carte. Prima ha detto che lui non va “in nessun ristorante per mangiare la “Bagna caoda”, ma se la fa lui in casa “da buon Torinese…”. E poi come prova del detto ci ha fornito la sua ricetta. Eccola

0

Pessimismo da Maitre

per ora è comunque bello sentirlo parlare, quando torna ad un ottimismo propositivo e le sue idee di insegnare psicologia per i camerieri e più cultura enogastronomica per tutti non sono male. Speriamo in una ventata di ottimismo di ritorno.

0

A me è piaciuto

Ah, dimenticavo: la visione del film vi potrebbe esimere dal fare una serie di viaggi per capire meglio la Spagna di oggi (se volete), ma nel contempo vi fa venire voglia di andare: fosse solo per un bicchiere di vino rosso e del prosciutto crudo tagliato a coltello.

0

Grazie Preside

Comunque grazie e un avvertimento a me e alle altre bottiglie di barolo docg che girano per casa: aprirle senza aspettare troppi anni (massimo 10 mi viene da dire, ma senza prove), conservarle in luogo scuro e a temperatura giusta (5-15 gradi penso).

0

La Bagna Cauda Tutti i Giorni

Per cui è una bella sorpresa trovare tracce consistenti in un solo ristorante: bolliti, carne, ravioli del plin, lingua salmistrata, risotti… ma soprattutto la Bagna Cauda, davvero una sorpresa. La Bagna Cauda in carta!

0

Un Banksy a Verbania

Complimenti a questo giovane Pittore che trova finalmente uno spazio nella cultura artistica della Provincia, nonostante le denunce ricevute, dovute all’imbrattamento dei muri della nostra città. Chissà che tra una decina di anni, quando sarà diventato famoso, potremmo vantare di essere stati culla e Paese di origine, di questo interessante artista Verbanese.

Mirco Pastini.

0

I Ricchi di una volta e le barbere di oggi

Ah, e i vini? E la degustazione? Tanti vini buoni, molti sommelier preparati (e qualcuno un po’ pedante, sia detto), difficoltà con il bancomat alla cassa, niente da mangiucchiare, niente acqua per sciacquare, grande attenzione alla sicurezza, tante persone stilose (fra i sommelier) ed interessanti (fra il pubblico). Pochi giovani, però. Il momento storico, la formula, la tipologia di vino? Domande forse oziose.