Paesello Sfortunato

San Stino di Livenza è un paesello sfortunato: si esce dall’autostrada e si va verso Caorle. Siamo in provincia di Venezia, Veneto. Una volta si passava nel centro del paese, poi, credo, il traffico disturbava e dunque, grande circonvallazione. Risultato, il paese è morto: botteghe chiuse, poca gente in giro, case vuote. Ci aggiungi poi che hanno fatto costruire sulla circonvallazione dei supermercati (uguali a quelli che si trovano ovunque) e il quadro è quello solito: marginalità e poco reddito. E forse per questo che hanno messo un po’ di autovelox sulle strade intorno: il traffico, è vero, va disciplinato. Tanto più se non porta reddito, aggiungo io, sperando di sbagliarmi.

E così è toccato anche a me provare la gioia di essere taglieggiato. Premetto, io vado piano e rispetto i limiti. Passo sempre per il centro del paesello in questione, sperando di avere un’occasione per fermarmi. E un paio di volte è successo: benzina, spesa, pizza… Il venti luglio scorso ho “sforato”: invece di 70 all’ora sono passato a 77 chilometri. Certo, ho sbagliato. Ma essere multato con 46 euro (e meno male che c’è lo sconto) per sette chilometri in più, un giorno di lavoro, mi sembra troppo. E poi, in fretta, sennò son dolori: 50, 60… xxx euro.

Ok, pagherò. Ma non mi sento così colpevole rispetto alla cifra richiestami. E a San Stino non passerò più. Adios.

Visite: 504

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *