Rosso o rosato?

Vi segnalo la manifestazione "Di grignolino in grignolino", dell’8 giugno. Si tratta di una domenica alla scoperta di uno dei vini meno conosciuti (ed amati) del Piemonte. Io ci andro? Non credo, ma mi piacerebbe che qualcuno ci andasse e mi raccontasse.

Anche perché è un vino che intriga: profumi geraniosi, frutta e fiori; gusto allappante, amarognolo e poco facile; e -tanto per completare- colore scarico. Al punto che su alcuni testi per sommelier viene definito "rosato". In realtà è un rosso scarico. Quando ha troppo colore, vengono dubbi.

Info su www.slowfood.it

Visite: 1158

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.