NEXT HABIT: immagina, cucina, evolvi

Next Habit (Verona 8 – 9 novembre 2022) l’esclusivo e innovativo evento ideato da Behubble, indirizzato agli operatori del settore ristorazione, avrà luogo a Verona negli iconici spazi delle Gallerie Mercatali, un fabbricato di particolare valenza monumentale per la città veneta.

Una scelta coerente con i principi ispiratori del progetto. Next Habit, infatti, già nel suo nome, descrive buona parte del suo significato evocativo, quella ricerca di nuove abitudini, che vogliono indicare un approccio evolutivo finalizzato a rinnovare i modelli professionali.

Le Gallerie Mercatali, edifici storicamente adibiti a ospitare il mercato ortofrutticolo, sono state oggetto di un intervento conservativo di recupero e valorizzazione delle strutture di archeologia industriale, affinché avessero nuova vita e nuove destinazioni.

Interessante anche la somiglianza tra il logo della manifestazione e il disegno parabolico della struttura, un arco che invita a passare oltre per vedere come sarà il futuro.

Una volta entrati, i percorsi che si snoderanno attraverso punti informativi interattivi, momenti pubblici dal palco, evoluzioni di artisti di teatro danza, workshop di approfondimento, vedranno alternarsi esperti di diverse discipline in un accurato confronto sui temi centrali di Next Habit.

Alla conduzione è stato chiamato Luca Ferrua, direttore de Il Gusto, la testata Food del gruppo Gedi (Repubblica, La Stampa ecc…). Con lui interloquiscono, Andrea Zorzi, campione di volley e commentatore televisivo, Riccardo Milan, giornalista, insegnante, gastroantropologo, Michele Capuani, architetto, designer, docente del Politecnico di Milano, Francesca Spadaro, ricercatrice, co-fondatrice dell’Osservatorio Sonda, Emanuele Gnemmi, consulente Horeca, docente, co-fondatore Osservatorio Sonda.

I temi che verranno affrontati nelle due giornate sono ambiziosi e vogliono fornire gli strumenti per interpretare al meglio una professione in continua evoluzione, ma, soprattutto, indagare gli aspetti che contribuiscono a migliorare il benessere complessivo dell’uomo nella gestione del tempo e dello spazio, nel suo rapporto con le macchine e la tecnologia, nell’affrontare con efficacia il binomio tradizione/innovazione, nel prevedere come sarà la Cucina del futuro.

Visite: 92

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *