Natale Covid 2021

Flavia arriva con i tamponi rapidi e Carlo assiste senza togliersi la mascherina ad alta protezione. Ha paura, nonostante i tre vaccini e la malattia già fatta (e in modo grave). Tutti negativi e si può dunque iniziare la cena. Auguri, brindisi e regali. Il giorno dopo, a Natale, di tutto si parla tranne di lei che non è vaccinata: “dice che le fa male il vaccino”. Si accenna ma non si dice. Il marito un po’ scocciato ci racconta che ha già saltato un paio di cene pre natalizie, chiedendole però di inventarsi una scusa “perché quelli là non li tollerano i no vax!”. Fra un po’ se ne andrà a sciare col figlio. Lei rimarrà a casa. Sembra la trama di un romanzo minimalista. Io ci metterei dentro un predicatore no vax, il mare d’inverno, due sfighe che insieme ne fanno tre e cosucce simili. Ma sono solo mie fantasie romanzesche. Sto leggendo Ernst Junger e si spiega.

Nella realtà i non vax mi sono indifferenti. Non mi piacciono quando dicono che noi vaccinati siamo delle pecore, che è un complotto, che i vaccini non servono… che dicessero che hanno paura e morta lì: sarebbero più simpatici, più umani. A volte sembrano solo fessi arroganti. 

Al telefono stamani sento un’amica con la febbre che sta a casa un po’ impaurita e che mi sgrida per la mia tolleranza nei confronti dei no vax. “Responsabilità sociale”, “maturità” e cose così. Nel pomeriggio intercetto una conversazione no vax su FB, m’intrometto a gamba tesa scatenando la reazione di un leaderino no vax e di una chatbot (maschio o femmina? Insomma un robot risponditore). In realtà non sono rabbioso, sono solo infastidito da tanta saccenza: multinazionali, complotto, idiozia etc etc 

Guardo la mia riserva di vino. Per digerire tutto ciò ci vogliono due o tre bicchieri di un grande rosso. Mio fratello mi ha regalato un Amarone Classico Lorenzo Amedeo Marchi 2015 da 15 gradi. Dovrebbe bastare. Domani mi sveglierò luminoso. 

Visite: 147

Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista, gastroantropologo e blogger. Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino, Lago d'Orta Wine Festival., Chebolle e Sapeg. Da inizio 2022 Fiduciario della Condotta Verbanese di Slow Food. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 al 2020 nel Consiglio nazionale Unpli. E' stato donatore AVIS ed ora collabora con la onlus Maresca di Santhià. Vive da sempre sul Lago d’Orta, fra Omegna e Bolzano Novarese.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.