La Pizza Impossibile

La Pizza Impossibile è quella che ci ha fatto l’altro giorno Eros,con un forno elettrico ad uso pizzeria. Ha steso la pasta e vi ha adagiato sopra un velo di salsa di pomodoro; poi vi ha aggiunto una dadolata di mozzarella ed una, più abbondante, dadolata di “grasso d’alpe” prodotto in Ossola da Loredana Bigio, ai piedi della vallata “high society place” del Devero, val Formazza. Un formaggio spettacolare, costato circa venti euro al chilo; appena estratta la pizza, Eros vi ha adagiato sopra delle fette di lardo di colonnata igp. Sul calore della pizza, il lardo è diventato ben presto traslucido e facilmente tagliabile. Anche qui venti euro al chilo, circa. La Pizza Impossibile era portentosa ed è stata ben presto spazzata via e ben presto replicata. Eravamo al Bar Maui di Omegna per lo Spress Bar, l’iniziativa della Provincia del VCO tesa a valorizzare i formaggi locali nell’aperitivo. Il lardo era stato selezionato da Andrea della AP Selezione; il formaggio da Giuseppe Paltani della Provincia; l’idea della pizza è stata di Eros. Nulla di strano, dunque, se in abbinamento vi abbiamo bevuto un insolito ghemme docg del 2009 Ca’ Nova, vigna San Quirico…

Perché Impossibile? Fate voi il calcolo: un etto di “grasso d’alpe” due euro; mezzo etto di lardo, un etto; altri prodotti ed energia elettrica: 2 euro; tasse, imposte, personale…: 2 euro. Totale 7 euro. Triplicare in vendita 21 euro… Capito?

Visite: 1150

Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino, Lago d'Orta Wine Festival., Chebolle e Sapeg. Da inizio 2022 Fiduciario della Condotta Verbanese di Slow Food. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 al 2020 nel Consiglio nazionale Unpli. E' stato donatore AVIS ed ora collabora con la onlus Maresca di Santhià. Vive da sempre sul Lago d’Orta, fra Omegna e Bolzano Novarese.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.