Frammenti d’estate…

Faccio spazio fra le carte e trovo tracce, frammenti, frattaglie di degustazioni, di vini, di profumi e sapori… su un quadretto di carta (5 x 5, forse) leggo di aver assaggiato un Verdicchio dei Castelli di Jesi Brut Colonnara del 2005 (12°) e di averlo trovato “buono, buono… con profumi fragranti già un poco impregnati di tostatura (nocciole tostate), con note di agrumi… in bocca, fresco ma non aggressivo… abbastanza equilibrato”. Acidità e dolcezza, dunque, ben bilanciate. Quando l’ho assaggiato? Non so, non ricordo. Ma deve essere un vino fattomi assaggiare da Mauro Alser. Appallottolo e getto nel cestino. Poi apro un bel libretto, “Il percorso della piacevolezza: i migliori vini del 42° Vinitaly”, firmato da Luca Maroni (mio maestro): uno dei tanti che mi sono messo in tasca in quei giorni. Su questo c’è però una nota scritta da Nino Panicola: “Pad 2 Sicilia… Fatascià”. Mi ricordo: me lo ha messo in mano a mo’ di promemoria, affinché andassi ad assaggiare i vini di quella cantina. Detto, fatto. Ma prima mi devo essermi fermato, un’ennesima volta, a sentire Luca: un vino, solo un vino prima di andare in Sicilia. Ho assaggiato un Refosco La Roncola 2006 di Ca’ Franco. Un rosso piacevolissimo che fa 20, 25 giorni di macerazione sulle bucce: grande colore. Poi si fa sei mesi in tonneau (la barrique doppia, per capirci), ma non si sente. Buono, Maroni consiglia il loro Cabernet Franc… poi scappo via. Poi getto via. Sempre nel cestino. Impossibile conservare ogni attimo, ogni appunto…Peccato.
Visite: 1001

Potrebbero interessarti anche...

2 risposte

  1. paracchini ha detto:

    uei anch’io mi chiamo Riccardo!

    Beh ho segnalato nel mio blog un evento legato ai mondiali di ciclismo a Varese, una mostra.

  2. utente anonimo ha detto:

    L’ho letto. Si mi chiamo anchio Riccardo ed anchio ho parlato del Camopionato Varesino. Vedi il post Un pacco alla Cinzianella, tags La Cinzianella… by by… adesso vado in spiaggia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.