La Cucina è Arte?

La cucina come le arti si può imparare, ma forse con maggiore sforzo!
La cucina come le arti si può imparare, ma forse con maggiore sforzo!

La Cucina è arte? Domanda impertinente. E cosa è l’arte? Ecco, appunto. Non lo so. La so leggere ma non la so definire univocamente. Ogni era ha la sua arte: simbolica, finalizzata, creativa… Oggi noi oscilliamo fra una concezione artistica legata ad un fine ed una fine a se stessa: l’arte per l’arte; fra il design e l’arte astratta. E la cucina?

La cucina ha dei limiti più evidenti: non può uccidere (anche l’arte invero, ma non per un codice proprio), non può provocare danni anche temporanei (diarree, dolori, vomito…), deve essere mangiabile (e dunque un sacco di materiali non edibili stanno fuori dal piatto), dialoga con il suo contesto se vuole vendersi (le formiche saranno anche buone ma in Italia attraggono poco, per capirci)… per cui, direi, che non potrebbe essere “arte per l’arte”, segno di creatività. Anche se molti cuochi aspirerebbero ad essere considerati tali, spostando l’attenzione da ciò che cucinano a loro come “geni creatori”, artisti che “compongono il piatto”!

E dunque? Non mi piace “l’arte per l’arte”: ho sempre il sospetto di cialtroneria. Dal mio punto di vista è arte quando è finalizzata, quando si fa portatrice di valori che vanno oltre. Castigat ridendo mores, mi verrebbe da dire.

Visite: 1784

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *