Come Si Scrive una Recensione (1)

Come si scrive una recensione gastronomica? Facile fare, poi provo a spiegare, ma più difficile da capire il perché. Infatti, prima di parlare di forma, vedrei il contesto un po’ difficile da capire. Capisco infatti chi le compra false, generate da un’intelligenza artificiale. Ne compri un po’ e il tuo indice di gradimento sale. E’ una pratica moderna che fanno anche gli “influencer” per avere una fama posticcia. Come accorgersene? Basta vedere quando e chi ha fatto una certa recensione: se si tratta di un afflusso massiccio lo stesso giorno e se i profili dei “recensori” sono scarni: una recensione, proprio quella… se ci sono queste condizioni la recensione potrebbe essere falsa. Ma chi la fa questa indagine? Pochi, la maggior parte delle persone legge qualche recensione e poi si affida allo “speraindio” e va nel ristorante segnalato. C’è chi evita di leggere le recensioni troppo positive e vede quante intermedie ci sono. Quelle, a rigor di logica, dovrebbero essere quelle vere. Forse. 

Non capisco appieno, invece, le recensioni negative, quelle garbate ok, ma quelle degli haters proprio no. Come fai a stroncare un ristorante andandoci una volta sola? Meglio ripetere. Almeno tre volte. E in ogni caso la domanda è: chi te lo fa fare? Chi ti paga? Il tuo ego? Ma tanto la tua vita non cambierà: anonimo eri ed anonimo resti. A meno che l’hater non venga pagato da qualcuno, non sia un vandalo (altra categoria per me misteriosa), non eserciti una qualche forma di ricatto stile mafioso… Allora un po’ di più si comprende. 

Ma la domanda è: “perché qualcuno scrive delle recensioni gastronomiche gratis?”. Stiamo parlando di un gran numero di persone, davvero. Perché?

Visite: 209

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *