Esercizi di Critica Gastronomica

Sto leggendo in classe un libro, forse l’unico libro, in cui si spiega come si dovrebbe scrivere una recensione gastronomica: “Scrivere di Gusto” di Valerio M. Visintin.

Ed ora, a mo’ di esercizio, provo a recensire l’ultimo ristorante dove sono stato: /Gu.Sta.Re/ Oltrecucina di Borgomanero. Ecco, incominciamo: cosa serve a chi legge? Informazioni utili. “Il Ristorante si trova nell’immediato centro storico di Borgomanero, vicino alla Stazione. I parcheggi sono a pagamento di giorno, ma liberi la sera. Era un negozio e ne ha conservato l’ampia vetrata”. Entriamo: “L’accesso è facile, senza gradini e gli spazi sono ampi: una grande stanza rettangolare con pochi tavoli tondi (5) ed uno lungo rettangolare (da 12), vestita con elegante minimalismo. Spiccano due bottigliere ai lati lunghi, la cucina a vista sul lato corto all’ingresso. Oggetti di modernariato fanno capolino qua e là, spesso riutilizzati come la cabina/cassa. Locale silenzioso e adatto a coppie e piccoli gruppi. Il servizio è professionale, con servizio del vino, pulizia dalle briciole e dell’acqua. Buona lista vini, con vini francesi”. Ok, e due parole sulla cucina? “Non è una cucina tradizionale, anche se permangono tracce qua e là. Ci sono abbinamenti insoliti e preparazioni da stellati. Certi fili conduttori rimandano ad altri ristoranti, come i burri aromatizzati, spume, polvere, gel e il pane da lievito madre. Si tratta di un ristorante di alta gamma nei prezzi e di gran successo. Meglio prenotare”. Ecco, può andare bene: comunicare in forma oggettiva; non esprimere giudizi, dare informazioni…

Visite: 53

Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino, Lago d'Orta Wine Festival., Chebolle e Sapeg. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 al 2020 nel Consiglio nazionale Unpli. E' stato donatore AVIS ed ora collabora con la onlus Maresca di Santhià. Vive da sempre sul Lago d’Orta, fra Omegna e Bolzano Novarese.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.