Il Lago Puzza

La battuta mi è tornata in mente durante una tavola rotonda che moderavo a Verbania il 31 maggio scorso: Persico 2.0. Una mia collega meridionale mi aveva detto (si parlava di bagni) che “il Lago puzza” e che lei non ci sarebbe mai entrata per fare il bagno. Ma dai! Nulla da fare: né dati né affermazioni. Lei rimase ferma sulle sue posizioni. Mare 1 e Lago 0… palla al centro! Ecco, ero lì che moderavo e si parlava di pesci di lago, di pesci di acqua dolce, di consumo consapevole a chilometro intelligente… e uno dei relatori, Massimiliano Borgia (giornalista e curatore del Progetto Pesci dei Nostri Laghi della Provincia del Verbano Cusio Ossola) invitava a riflettere sul fatto che, con ogni probabilità, il consumo del pesce in futuro crescerà, grazie anche all’immagine di alimento “salutista” che ne viene data dai nutrizionisti e dai media. Sarà quindi necessario affiancare l’allevamento alla pesca tradizionale. Specificando che negli ultimi anni le tecniche di allevamento di specie marine e d’acque dolci si sono evolute moltissimo in termini di sostenibilità. Il giornalista ha poi portato al tavolo un nuovo elemento di riflessione: ovvero che il consumo ridotto del pesce di lago risieda anche nell’idea che il lago sia un ambiente poco pulito e che contenga molte sostanze inquinanti. Che “puzzi”, insomma. Questo, ovviamente, contrasta con quanto enunciato in un intervento precedente di Pietro Volta (ittiologo del CNR) che rifletteva sul fatto che uno dei principali parametri condizionanti il numero di pesci presenti in un bacino lacustre è la qualità della sua acqua: paradossalmente, più l’acqua è pulita e meno pesci ci sono. Le punte di pescato si sono infatti raggiunte negli anni ‘80, quando il lago Maggiore era decisamente in una fase di eutrofizzazione. Non si sarebbe potuto, comunque, proseguire con quel carico eccessivo di nutrienti disciolti nelle acque. Quale potrebbe essere un buon punto di equilibrio? Nonostante queste problematiche è comunque presente una biomassa che consentirebbe un discreto incremento del prelievo di pesce dal lago. Nell’immaginario collettivo, poi, aggiungeva Massimiliano Borgia il rinato Lago d’Orta risulta essere ancora un lago morto. C’è forse qualcosa che non funziona nella comunicazione? Il compito dei giornalisti sarebbe importantissimo, ma gli stessi troppo spesso hanno ancora una conoscenza dell’argomento ridotta o superficiale. Ribadiva poi l’importanza di progetti di gastronomia e turismo gastronomico intorno al pesce di lago, sostenuti da fondi interregionali e internazionali (Italia – Svizzera per esempio). Concludeva il suo intervento lamentando la scarsa conoscenza e il poco interesse nei confronti dei laghi e delle loro problematiche da parte degli enti governativi nazionali. E della mia collega, aggiungerei.

La battuta mi è tornata in mente durante una tavola rotonda che moderavoa Verbania: Persico 2.0. Una mia collega meridionale mi aveva detto (si parlava di bagni) che “il Lago puzza” e che lei non ci sarebbe mai entrata per fare il bagno. Ma dai! Nulla da fare: né dati né affermazioni. Lei rimase ferma sulle sue posizioni. Mare 1 e Lago 0... palla al centro!
Visite: 253

Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino, Lago d'Orta Wine Festival., Chebolle e Sapeg. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 al 2020 nel Consiglio nazionale Unpli. E' stato donatore AVIS ed ora collabora con la onlus Maresca di Santhià. Vive da sempre sul Lago d’Orta, fra Omegna e Bolzano Novarese.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.