Categoria: Ristoranti

0

Il Ristorante da Provare

Il mio ristorante da provare è L’Orto in Cucina, progetto multilevel di Novara. Un cuoco curioso e preparato, un progetto d’inclusione sociale, un rapporto più stretto con la natura e il territorio, una cucina facilmente leggibile (elegante ma tradizionale), un locale sobrio ma luminoso…

0

Esercizi di Critica Gastronomica

Sto leggendo in classe un libro, forse l’unico libro, in cui si spiega come si dovrebbe scrivere una recensione gastronomica: “Scrivere di Gusto” di Valerio M. Visintin. Ed ora, a mo’ di esercizio, provo a recensire l’ultimo ristorante dove sono stato: /Gu.Sta.Re/ Oltrecucina di Borgomanero.

0

Il Mondo di Domani già Oggi

Un mondo in cui cellulari, monete elettroniche, offerte… viaggiano sulla rete ancor prima di finire nel piatto. Un mondo di gadget (“vedi quella borraccia papà? Se vieni qui a far colazione te la regalano…”) e di uniformità elegante, di stile proprio. Una lezione per tutti, ristorazione classica compresa.

0

Un Natale in Francia… Anni Fa!

Ringrazio Maria Cristina Pasquali a cui ho mandato uno dei menù che Giuseppina ha trovato a casa sua. Roba del nonno (“ma era troppo giovane!” Collezionista?). Tutti menù francesi, anche scritti a mano (nei ristoranti: tanta roba!). Piano piano li pubblicherò in parte. Curiosità, confronti, indagine sociologica e storica… Non so. Ma certo una volta alle feste mangiavano di più. Facevano lavori più pesanti, se ne fregavano della dieta, festeggiavano poche volte l’anno. Ognuno si dia una risposta, se vuole.

0

Santhià

6 ore a Santhià. Non molto tempo, ma mi piace l’onestà intellettuale di chi ha messo il cartello (Pro Loco o Comune? Chi?). Non ti dico un fine settimana, ma sei ore. Questo noi siamo. Onesti.

0

Ius Primae Noctis

Così, nonostante la borghesia coi suoi valori domini un po’ ovunque (anche nella classifica degli chef a cui nessuno chiede le origini o il censo), permane un po’ di odioso (per me) medioevo per gli altri. I ristoranti così spesso non sono espressione di un mondo borghese e democratico ma espressione di un feudalesimo in cui camerieri, cuochi e lavapiatti sono spesso i servi della gleba. “Ius primae noctis” compreso…

0

Una Stella Subito: Come Mai?

Mi ha stupito poco ma qualche domanda me l’ha fatta fare: dopo tre mesi la Guida è già in grado di giudicare un locale? Un locale che da subito è senza sbavature? Sembra difficile crederlo. Oppure è vero ciò che ci raccontò sua suocera anni fa

0

Ottimo Lucioperca

l Lucioperca è usato in molte maniere: fresco, frollato, crudo, cotto… in ogni sua parte. Fa capolino financo nel logo. Lì è considerato “il re” dei pesci di lago e d’acqua dolce. L’ho assaggiato in tre preparazioni diverse: tutte ottime. Se volete assaggiarlo anche voi, andate lì. Vedrete che sorpresa!

0

La Bagna Cauda Tutti i Giorni

Per cui è una bella sorpresa trovare tracce consistenti in un solo ristorante: bolliti, carne, ravioli del plin, lingua salmistrata, risotti… ma soprattutto la Bagna Cauda, davvero una sorpresa. La Bagna Cauda in carta!