Categoria: Covid 19

0

Se 50 Pound Vi Sembran Pochi

Alla faccia, vien da dire: 1) a chi crede il covid sia un’esagerazione; 2) di chi pensa che in Italia i tamponi siano un furto; 3) che all’estero siano più sciallati nell’affrontare la pandemia… Mah!?

0

Amici No Vax

Da una parte non li comprendo ma non li condanno del tutto, visto che non si tratta infatti di persone assolutamente negative o fuori di testa, ma di persone dubbiose nella cui testa è cresciuta questa ansia, questo dubbio, questo rifiuto generalizzato alla vaccinazione. Per quanto non li comprenda non me la sento di condannare così, senza appello. Penso piuttosto che i loro dubbi debbano essere fugati. Poi, magari, non dicono solo corbellerie.

0

Non Mi Fido

Ecco, sono seduto nel dehors di una birreria a Varallo, nel centro storico sotto la mole del Sacro Monte. Ho appena finito di ammirare i quadri di Tanzio da Varallo e la bella pinacoteca cittadina. Sto bene e sono a tavola con un’amica e due sconosciute. Si parla del più e del meno, la parola corre ai vaccini. Una quarantina un po’ in carne ci dice che sì lei “non ha paura, ma non si vaccinerà perché non si fida”. Sta per accendersi una discussione, ma la blocco sul nascere. Faccia quel che vuole. La bellezza dei quadri di Tanzio mi aiuta a dimenticare.

0

Noi Cinici Adolescenti

Se penso a lui, capisco quello che sta succedendo a noi: il conteggio dei morti che non commuove più, il pensare prima alla propria salvezza e non a quella altrui, all’esser cinici come gli adolescenti di allora. Aspettando anche noi “gli americani” che ci portino dei doni.

0

Decalogo Sociologico di Emergenza Covid

Ringrazio Gabriele Di Francesco, amico e professore universitario, per avermi invitato allo zoom di presentazione del libro realizzato con gli studenti del suo corso universitario. Il libro si intitola “NARRAZIONI DI PANDEMIA Esperienze soggettive e dimensioni sociali”. Lo sto leggendo e magari ci scriverò un pezzullo. Intanto una prima perla nelle prime pagine: un decalogo sociologico d’emergenza covid. Una lettura rilassante ed interessante. Ve la propongo per intera, citando l’autore ovviamente. Io non ho tale luciditàdi pensiero.O forse sì, se mi riconosco?

0

Cose Nuove

Da quando è incominciato questo “big crash” ho imparato a fare molte cose. Ho imparato a stare da solo, senza sentirmi solo. Ho imparato a gestire i miei contatti, per non perderne nessuno. Ho imparato ad usare la tecnologia, senza snobisticamente dirmi contrario. Ho imparato… Davvero molte cose.

0

Gli Asinelli e Israele

Sono al mercato con mia sorella: attendiamo il turno per essere serviti dal verduriere. Il signore davanti a noi sta scambiando due parole con il commerciante: “in Israele giravano con il carretto con l’asino fino a ieri ed oggi ci battono coi vaccini… siamo diventati terzo mondo!”. Queste parole mi hanno colpito, fra le altre, perché piene di curiose inesattezze

0

Ristorante in Giallo (o arancione?)

Siamo in zona gialla (o arancione, non ricordo) e con un gruppo di amici decido di andare a pranzo in un ristorante. Telefona una lei, Fede, e poi ci relaziona su whatsapp: “X è pieno”, Y è pieno”, “H è completo”, Z dopo le 14,30 ha posto”…

0

Come Spendo?

Insomma, ho cercato di dire al mio allievo. Come spesso succede c’è chi vince e c’è chi perde. E non sempre per colpa sia pure parziale dei perdenti. Ma sia quel che sia, c’è anche chi vince. E bene.

0

Prendiamo Atto

Intanto il virus ha dimostrato che non esistono frontiere e che i problemi di qui sono causati da scelte di là. Il futuro crea angoscia, ma non c’è alternativa.

1

La Dad è di Destra?

Ora siamo in Dad e ce ne lamentiamo: scuola surrogata, paliativo… e dall’altra c’è chi dice che, no, se i ragazzi vogliono imparare imparano a prescindere, che la smettano di lamentarsi e che la Dad va bene così… L’impressione è che la verità, il miglioramento, l’accumulo di esperienza non lo voglia nessuno: quello che conta sono le polemiche del momento. Ma la Dad è di destra o di sinistra? O checiazzecca?

0

Si mangia male?

In Italia si muore molto di covid, specialmente se si è anziani. Perché gli anziani italiani sarebbero peggio messi rispetto a quelli del resto del mondo. Se sì, come mai? Mangiamo male? Siamo pigri? Beviamo troppo? Viviamo in città inquinate? Leggiamo poco e dunque siamo poco lesti di cervello? Cosa?