Archivio Mensile: Settembre 2021

0

Ristoranti Novax

“credo che sia perché il proprietario è un novax e piuttosto di vaccinarsi, chiude”. Poi, “quando cambieranno le norme, riaprirà”. Bah, penso “si vede che può permetterselo”.

0

Un Posto Brutto

Quando esci, però, l’impatto è duro: una viabilità a gomitolo, strade dissestate, fabbriche in disuso, immondizia ovunque ed inferriate alle finestre. Un posto brutto che tanto contrasta con l’ideale del grande centro che hai appena lasciato. Non so, ma nessuno lo nota? A me il contrasto non è piaciuto. Che serve predicare il bello in un posto brutto? 

0

Il Mistero di Sanvino e Piazza 8 Marzo

Ad un certo punto della storia abbiamo sbagliato i conti ed abbiamo perso per strada un anno. Sarà stato l’alcol o la nostra giovanile goliardia, ma così è stato. Le edizioni di Sanvino sono state 14 e noi ne abbiamo segnate tredici, ripetendo l’undicesima edizione due volte. Ce ne accorgiamo solo ora, che tutto è finito. 

0

Piccole cose grandi

Ecco, il Gigi Bar di Stresa, rinnovato da alcuni mesi, mi ha sorpreso per questa piccola cosa: le patatine fritte fatte da loro, le chips per capirci. L’arredo è bello, può piacere o meno; il vino non era male e il toast era buono. Ma le patatine, quelle sì mi hanno davvero colpito. Bravi, le piccole cose fanno belle i luoghi, le persone e i momenti. Grazie.

0

I Ravioli alle Verdure

Se passo di là ci torno: cucina semplice, gentili, porzioni abbondanti, vino lambrusco buono… soprattutto mi sono piaciuti i Ravioli alle verdure con soffritto a parte. L’agriturismo è stata una buona base di partenza per fare un paio di tappe del Cammino Spallanzani.

0

Lo Spillatore di Cocktail

Per cui non credo che lo spillatore di cocktail distruggerà la figura del barman, come mi diceva oggi Carmine. Il nostro rapporto col bere miscelato, quando è sano, è somma di luogo, parole, chiacchiere, storie… la macchina servirà per chi beve alcol, aiuterà nei luoghi affollati… ma non farà s

0

Mottarone come Kabul

Il tendone del Wine Festival sembrava però un ospedale da campo, a Kabul come idea: su un terreno di sabbia, sassi e terra… polvere che si alzava ad ogni passo e l’incedere attento per non metter il piede in fallo su un sasso.
Il Festival era sì bello; i vini proposti di buon livello (vedi, per esempio, le sperimentazioni spumantistiche di Paolo Ferri), ma quel piazzale abbandonato e dimenticato mi ha fatto venire in mente la leggerezza che ha causato la morte di tante persone.

0

Un Locale Originale

La Caffetteria di Quartiere di Casa Ceretti a Verbania è un locale coraggioso, oltrechè bello. Ha infatti deciso di usare quasi esclusivamente prodotti locali, il che per i liquori non è sempre agevole.

0

Germana e i Lamponi

Un risotto magnifico, cara Germana, sia detto: morbido, fresco… estivo. “Un brodo di verdure e poi la mantecatura a freddo con i lamponi frullati… formaggio pecorino e foglie di menta a decorare e dare profumo”. Un risotto strepitoso