Vino Viperino

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Che sorpresa! Mentre sto facendo delle schede su alcuni vini per gli studenti di IV, sfoglio alcune pagine del sito internet dedicato al Timorasso doc. Trovo una citazione, parole di Luigi Veronelli, un maestro del giornalismo enogastronomico. Un poeta più che un prosatore direi, però. Leggete questa definizione: “a Garbagna, durante un mio viaggio bevvi vino bianco buonissimo, pieno, armonico, viperino…”. Ohibò, “viperino”: e che mai vorrà dire!?

Cerco sulla Treccani un po’ di (inutili) risposte: “viperino agg. [dal lat. viperinus]. – Di vipera, delle vipere: morso v.; veleno viperino. In senso fig., da vipera, proprio di persona rabbiosa e maligna: lingua v.; pettegolezzi v.; e con funzione soltanto rafforzativa: perfidia v.; malignità viperina”.

Nulla, dunque. Nel suo immaginifico linguaggio, il Maestro ha così definito un vino che sarà stato, al suo palato immagino, fresco, un po’ sgraziato (però lo dice “armonico”), amarognolo sul finale come un veleno… “viperino” appunto. Una sinestesia, non un concetto logico… Decisamente curioso e non parafrasabile.

Visite: 115
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- Filament.io 0 Flares ×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.