Ritorniamo in Trattoria

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

La libertà è il valore più alto nella vita di un uomo. Libertà anche a tavola. Una tavola che è soprattutto tradizione e rapporto più equanime fra cliente e ristoratore: sì ai piatti della tradizione, alla tavola conosciuta, rivista con garbo ed intelligenza; sì alle trattorie dunque e no ai ristoranti stellati.

Questo in sintesi il pensiero di Arrigo Cipriani, famosissimo imprenditore veneto, che viene espresso in un bel libretto che ho comprato volentieri dopo una presentazione pubblica: “Tutti gli chef sono in Tv e noi andiamo in trattoria”. Bello.

Il libro è diviso in tre parti: nella prima si fa la storia della cucina italiana dal secondo dopoguerra, un po’ utilizzando i ricordi ma anche una dettagliata e curiosa ricerca storica, da modernariato ci verrebbe da dire; nella seconda si delineano le figure degli chef (e non chef) televisivi italiani e statunitensi, in maniera garbata ma senza sudditanza; nella terza si presentano alcune vere trattorie venete selezionate da Cipriani stesso.

L’ottantenne imprenditore (decine di ristoranti e locali nel mondo, a partire dal veneziano Harry’s Bar”) detta infatti le regole affinché un locale si possa definire “trattoria”, chiedendo ai lettori di segnalarne per una futura pubblicazione.

Quali sono le regole? Quindici punti: non essere nella guida dei copertoni; luci giuste niente musica; buona acustica; niente odori di cucina; stoviglie normali, piatti bianchi e rotondi; bicchieri normali; tovaglie e tovaglioli di tessuto; accoglienza personale spontanea e sincera; meglio se familiare; niente menù degustazione; libertà di scelta (anche un solo piatto dalla carta); piatti semplici di qualità della cucina tradizionale e locale con rispetto del gusto italiano; niente descrizione enfatica degli ingredienti; meglio dolci fatti in casa; buona carta dei vini con possibilità di bere il vino della casa.

Ecco, i punti li avete: mettetevi alla caccia delle vere trattorie. Poi ci passate le informazioni.

Visite: 108
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- Filament.io 0 Flares ×

Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria il da .

Informazioni su Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino e il Lago d'Orta Wine Festival. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 nel Consiglio nazionale Unpli. Vive sul Lago d’Orta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.