Phytoalimurgia pedemontana

La fitoalimurgia rappresenta un approccio scientifico (botanica applicata) all’alimentazione con le piante selvatiche ed è parte dell’Etnobotanica.
Il termine risale al 1767, quando il medico e naturalista fiorentino Giovanni Targioni-Tozzetti, sopravissuto ad una grande carestia nel 1764, scrisse il libro “De alimenti urgentia” allo scopo di aiutare la popolazione in momenti di carestia. L’etimologia del termine può essere fatta risalire a tre vocaboli greci:
• phytón = pianta
• alimos = che toglie la fame
• ergon = lavoro
Dopo Targioni-Tozzetti diversi ricercatori si sono occupati di fitoalimurgia.
Oreste Mattirolo, presidente dell’Accademia di Agricoltura di Torino, preoccupato per le conseguenze della prima guerra mondiale sulla produzione agricola, studia e assaggia tutte le piante alimentari spontanee del Piemonte. Nel 1918 presenta i risultati della ricerca all’Accademia in una memoria, “Phytoalimurgia pedemontana“, che racchiude un piccolo tesoro di conoscenze botaniche e di tradizioni popolari.

Visite: 1169

Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino e il Lago d'Orta Wine Festival. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 nel Consiglio nazionale Unpli. Vive sul Lago d’Orta.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.