La marmellata mi rilassa…

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Ho preso i kiwi che stavano surmaturando nella cassetta, ho aggiunto delle mele grinzose e quasi nere che stavano in cantina dall’autunno scorso: ho lavato, sbucciato, fatto a pezzi… Ho usato una pentola antiaderente che conservo per questo motivo e ho fatto cuocere la frutta, spremendogli dentro un paio di arance che stavano disfandosi in fondo al frigo.

Dopo un’ora di cottura a fuoco basso, ho usato il minipimer per frullare velocemente il tutto. Intanto ho messo i vasetti a bagno nell’acqua portandola bollore. Dopo la loro bollitura, li ho pinzati con delle molle a ancora caldi li ho messi a scolare su una panno. Poi ho assaggiato la marmellata e l’ho aggiustata di zucchero, mai troppo.

Con un cucchiaio a manico lungo ho invasettato, chiuso e coperto i vasetti rovesciati con una coperta (vecchia che conservo per lo scopo) e li ho lasciati per una notte a riposare. Un po’ me li mangio io io, altri li regalo.

Fare la marmellata mi rilassa perché controllo ogni passaggio di produzione: so cosa succederebbe se facessi cuocere più a lungo o a fuoco più alto; se non usassi anche le mele; se non sterilizzassi i vasetti… Un mondo che conosco e che si oppone alla quotidianità tecnologia: perché non mi appare il logo di whatsapp di fianco al tuo numero di telefono? Bho!? Perché quando accendo il computer si apre subito word? Boh!? Perché quando scrivo su Facebook un’opinione politica vengo “assalito” da persone che non conosco neppure? Boh!? Perché se passo vicino un negozio, il mio cellulare mi informa di offerte? Boh!?

Il mondo in cui viviamo è magico, non ci appartiene… meglio la marmellata.

Visite: 65
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- Filament.io 0 Flares ×

Questo articolo è stato pubblicato in Senza categoria il da .

Informazioni su Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1999), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino e il Lago d'Orta Wine Festival. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 nel Consiglio nazionale Unpli. Vive sul Lago d’Orta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.