Il Mondo delle favole (al ristorante)

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Siamo tutti convinti di essere razionali, freddi, materialisti… ma poi, qua e là, fanno capolino credenze irrazionali: l’oroscopo, i complotti, le scie chimiche, i rimedi naturali per dimagrire, il logo, lo chef stellato che è ubiquo…

Quest’ultima leggenda metropolitana, poi, è assai pervicace, difficile da estirpare: credere che uno chef stellato sia sempre all’opera in più luoghi nello stesso tempo è credenza diffusa. “Sono andato a mangiare da Cannavacciuolo”, si dice dalle mie parti. Poi lui non c’è, arriva a fine serata, è in televisione, è in un altro dei suoi molti ristoranti… Ma non è così: sotto di lui lavora una brigata di sotto chef che eseguono i suoi comandi, ma non sono lui. E lui non sempre è in grado di controllarli in ogni momento.

Per cui, non è notizia sconvolgente quella diffusa dall’Accademia Italiana della Cucina che ha sgamato una ricetta sbagliata dello chef: Si legge infatti a pagina 3 del numero di luglio 2019 della loro rivista “Civiltà della Tavola”:

La notizia è divertente, curiosa. Ma non aggiunge molto a ciò che i razionali sanno: lo chef non è ubiquo e non può fare tutto, si limita a far controllare, a mettere la firma e ad intascare. Come fanno tanti. Che rimangano gli irrazionali a pensare ad uno chef ubiquo e che si muove nello spazio-tempo. Ah ahah

Visite: 108
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- Filament.io 0 Flares ×

Questo articolo è stato pubblicato in Cronache Locali, Protagonisti, Ricette e taggato come , , , il da

Informazioni su Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino e il Lago d'Orta Wine Festival. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 nel Consiglio nazionale Unpli. Vive sul Lago d’Orta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.