A Novara non ci sono vacche

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Sì, a Novara non ci sono vacche. Almeno non si vedono. Forse, se ci sono, sono nascoste. Io arrivo a Novara da nord, da Borgomanero. A fianco della lunga strada, paese, paeselli, case sparse, fabbriche, negozi, insegne, campi di granoturco e risaie… ma mai una vacca, una bovina, un manzo al pascolo.

Per cui, a Novara e dintorni non ci sono vacche. Almeno a nord. Ma credo di non averle mai viste al pascolo neppure sugli altri lati della città. Eppure, a detta del sindaco di Novara, “è la città del gorgonzola dop”: visto che qui si concentra oltre il 60% della produzione nazionale del saporito formaggio. Lo ha detto durante la presentazione del libro dedicato ai cento anni del caseificio Costa. Il libro, sia detto per inciso, è stato scritto da Jacopo Fontaneto e Claudio Salsa e si intitola “Mario e la Costa Nobile della Muffa” (Cento Archi Edizioni). E celebra la storia di un marchio che è anche il padre della versione cremosa e dolce del gorgonzola dop, nata nel 1924.

L’Invito della Presentazione

Ma torniamo alle vacche, o bovine o mucche come qualcuno simpaticamente le chiama: se Novara è la capitale del gorgonzola dop, non si vede chi produce il latte. E non è una bella cosa. Uno potrebbe pensare male. Sì, lo so: il latte viene da allevamenti al chiuso, con vacche ben trattate e ben nutrite. Ma la gente non le vede. Per cui potrebbe dire che non ci sono. Una capitale senza sudditi non è credibile.

Cosa si potrebbe fare? Fare un po’ di scenografia con vere vacche al pascolo. Che si vedano. Creare cartelli e richiami che parlino del latte, degli allevamenti, del famoso formaggio. Sulle rotonde, magari: come hanno fatto a Fontaneto con la pasta ripiena o sulle colline novaresi con torchi ed alambicchi. Evitare che ci siano solo i privati (vedi Casa del Gorgonzola) a ribadire con forza l’eccellenza gastronomica della città.  


Visite: 40
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- Filament.io 0 Flares ×

Questo articolo è stato pubblicato in Cronache Locali e taggato come , , , , , il da

Informazioni su Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1999), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino e il Lago d'Orta Wine Festival. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 nel Consiglio nazionale Unpli. Vive sul Lago d’Orta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.