Gnocchi alla Armenonville

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Ed io che credevo. Ed io che credevo fossero pura fantasia. O forse sì lo sono, o forse no. Insomma, non so ancora se gli Gnocchi alla Armenonville siano veramente frutto di una fantasia locale, ovvero Gnocchi alla moda di Armeno, famoso paesello (una “ville”, appunto) di cuochi sulla sponda orientale del Lago d’Orta (Novara), o che, come mi suggerisce un mio interlocutore prendano il nome da un famoso “ristorante parigino dell’800”. Non so, sulla rete nulla si trova e di Armenonville si trova traccia nel nome di un albergo nizzardo, elegante ed ottocentesco: che sia stato fondato da emigranti armeniesi? Che il piatto sia stato dedicato ad Armeno da cuochi emigrati in Francia? O fa solo il verso all’haute cuisine francese?

Insomma non so. Si tratta comunque di gnocchi di semola gratinati al forno, con formaggio e prosciutto. Un po’ più dei Romani, un po’ meno di molto altro. Ma un dubbio rimane: Armeniesi o Francesi?

Visite: 1228
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- Filament.io 0 Flares ×

Questo articolo è stato pubblicato in Attualità, Cronache Locali, Senza categoria e taggato come , , il da

Informazioni su Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1999), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino e il Lago d'Orta Wine Festival. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 nel Consiglio nazionale Unpli. Vive sul Lago d’Orta.

1 thought on “Gnocchi alla Armenonville

  1. Mauro Maccalli

    Non lo so nemmeno io, quello che so è che alla fine degli anni 60 e all’inizio degli anni 70, li ho preparati io stesso,più di una volta, quando lavoravo al Grand hotel des iles borromees a Stresa, e parecchi cuochi di quel periodo venivano proprio da Armeno, ma non hanno saputo (o voluto) dirmi chi era l’autore della ricetta.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.