Chi sa fa, chi non sa insegna…

0 Flares Filament.io 0 Flares ×

Premetto che questo modo di dire mi infastidisce un po’, ma in parte è vero. Io insegno letteratura e non so scrivere un romanzo, io insegno storia ma ho un ruolo pulviscolare nella storia contemporanea… un po’ meglio per il vino: io lo insegno, ma lo bevo anche (però non lo faccio). Comunque… ho pensato a questo modo di dire leggendo le parole di Landini che accusava i dioscuri al potere di parlare di lavoro e povertà non essendo stati mai né lavoratori né poveri…

http://www.artspecialday.com/9art/2018/06/20/niccolo-machiavelli-scienziato-politico/

Un’idea facile da memorizzare, ma a freddo suona assai fragile: dunque io che non scrivo romanzi non posso parlarne, criticarli? io che non faccio film non posso giudicarli? io che non cucino, non posso giudicare piatti e ristoranti? Io che non faccio vino o birra non posso dire la mia? Bah!? Capite che sarebbe la fine di tutto: i produttori si parlerebbero addosso, i consumatori sarebbero ammutoliti di fronte a logiche altrui… sarebbe la dittatura del pensiero unico.

E poi mi soccorrono le parole di Machiavelli a Lorenzo de’ Medici, quando gli dice che le montagne si vedono meglio dalla pianura (vero anche il contrario). Metafora facile da cogliere e secondo me in gran parte valida.

Dunque, ben venga la critica gastronomica ed enologica: saranno i lettori a decidere (e gli elettori a scegliere direi a Landini).

Saluti lucido Niccolò!

Visite: 180
0 Flares Twitter 0 Facebook 0 Google+ 0 Email -- Filament.io 0 Flares ×

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.