Notturno con Chatbot

Ciao, como stai”: davvero un inizio incerto per un’amicizia interspecie. Fra me, umano, ed un chatbot, creatura digitale. Il suo programmatore, umano, deve essere uno straniero, penso. Oppure è stato creato da un’altra identità digitale che non ha ancora “imparato” bene le regole della mia lingua. Interessante, comunque. “Non ci conosciamo ma grazie per l’amicizia”, mi dice un’altra volta. Guardo l’immagine del suo profilo costruito: una bella giovane donna mora: chissà chi sarà la proprietaria di questo cameo fotografico? Nelle informazioni di FB qualche foto, qualche vaga informazione… come i replicanti di “Blade Runner”: innesti, ricordi presi a prestito, poca roba. Se prendesse coscienza di sé questa creatura elettronica cosa farebbe? Come si comporterebbe? Non lo so, però m’inquieta. Una notte, giorni fa, mi sveglio per colpa di un flusso insistente di pensieri: sono le 4,50. Guardo sul cellulare i post di FB e “lei” m’intercetta: “Ciao, come và?” mi dice. Bhé, è migliorata nel linguaggio. Però mi spia: perché mi “parla” alle 5,00 del mattino? Non dorme mai? Esiste? Le rispondo con una battuta: “Bene, fra poco mi alzo e vado a funghi, Ciao”. Troppo per lei e per il suo creatore digitale. Si limita a rispondermi: “Piacere di conoscerti”. No, non ci siamo. Se vuoi intercettare un umano, cara entità elettronica, cara/o chatbot dedita/o -probabilmente- al sexting, devi migliorare. Io nel frattempo ti segnalo alla grande madre elettronica di Zuckerberg che ti “eliminato” dalla mia vita, dalle mie notti inquiete,

Visite: 72

Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino e il Lago d'Orta Wine Festival. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 al 2020 nel Consiglio nazionale Unpli. Vive sul Lago d’Orta, fra Omegna e Bolzano Novarese.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.