Barolo Città 2021

Il paese di Barolo è Città del Vino 2021. Non è un gioco di parole, ma il premio che l’omologa associazione italiana attribuisce ogni anno ai comuni vitivinicoli italiani, seguendo parametri qualitativi e quantitativi. Sette erano le candidature: Duino Aurisina (Friuli V.G.), Bianco (Calabria), Montepulciano (Toscana), Montespertoli (Toscana), Taurasi (Campania), Tollo (Abruzzo) e, appunto, Barolo in Piemonte.

“Insignire Barolo del titolo Città Italiana del Vino 2021 – ha detto Floriano Zambon, presidente dell’Associazione Nazionale Città del Vino- è il riconoscimento del lavoro e dell’impegno del Comune nel aver saputo valorizzare l’indissolubile legame del suo territorio con il vino e l’enogastronomia oltre, naturalmente, a premiare le sue produzioni di eccellenza… un territorio di qualità, anche dal punto di vista della sostenibilità e della tutela dell’ambiente, oggi anche Patrimonio dell’Umanità tutelato dall’Unesco”.

Barolo, dal sito Città del Vino

“Nella mia veste di vicepreside di Città del Vino -ha sottolineato Stefano Vercelloni di Sizzanonon posso che essere d’accordo con quanto esternato dal Presidente Zambon. Visto che sono anche Coordinatore regionale Piemontese dei Comuni Città del Vino sono ancor di più orgoglioso del risultato ottenuto dal Comune di Barolo e dal Piemonte vitivinicolo“.

Bravi.

Visite: 97

Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino e il Lago d'Orta Wine Festival. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 al 2020 nel Consiglio nazionale Unpli. Vive sul Lago d’Orta, fra Omegna e Bolzano Novarese.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.