Archivi categoria: Vini

Porte aperte nelle cantine del Trasimeno (sarebbe bello andare!)

Il cuore dell’Umbria torna a colorarsi di rosa per la seconda edizione del Trasimeno Rosé Festival. Nella giornata di sabato 22 giugno 2019 il Consorzio Tutela Vini Trasimeno lancerà la prima bottiglia consortile: un rosé che si potrà assaggiare nelle cantine del Consorzio aperte per l’occasione e in 40 ristoranti del territorio.
“L’etichetta creata dal Consorzio – spiega Emanuele Bizzi, Presidente del Consorzio Tutela Vini Trasimeno – è un rosato ottenuto dai vitigni coltivati in questo areale, che nasce dalla collaborazione di tutte le cantine associate e che abbiamo chiamato Trasimeno Rosé. È un vino che interpreta a pieno il nostro territorio: fresco, sapido e dall’aroma fruttato, perfetto per i brindisi estivi in riva al lago e che abbiamo scelto come calice di benvenuto per tutti coloro che parteciperanno al Festival”.
Le aziende proporranno per tutta la giornata visite in vigna e alle cantine, oltre a degustazioni guidate per scoprire i vini che nascono nell’area del Lago Trasimeno. I produttori che aderiscono alla giornata sono Cantina Berioli, Azienda Agraria Carlo e Marco Carini, Castello di Magione, Duca della Corgna, Vitivinicola Il Poggio, La Querciolana, Madrevite, Montemelino, Cantina Nofrini, Podere Marella, Pucciarella, Terre del Carpine, Poggio Santa Maria, Viandante e Coldibetto.
A partire dall’orario dell’aperitivo 40 ristoratori del territorio offriranno ai clienti un calice di benvenuto del rosé consortile, che ben si accompagna ai piatti della tradizione come il pesce di lago e la Fagiolina del Trasimeno. Tutti i locali si trovano nei borghi che circondano il lago: Castiglione del Lago, Paciano, Panicale, Passignano, Corciano, Città della Pieve, Magione, Piegaro e Tuoro.
La manifestazione si terrà anche quest’anno in concomitanza con la Notte Romantica organizzata da I Borghi più belli d’Italia, che ha inserito nella sua guida cinque dei paesi che sorgono sulle sponde del Trasimeno. I nomi dei locali e delle cantine aderenti sono disponibili sul sito www.trasimenodoc.it

Visite: 92

Passi lo straniero!

Ho finalmente conosciuto di persona lo svizzero Christoph Kunzli. Me lo immaginavo diverso, un po’ più fisicamente eroico visto quello che ha fatto. Ha infatti salvato un vino doc, il boca doc, che stava scomparendo. Uno dei vini più rari d’Italia era infatti destinato a scomparire. Ma lui, invece, eroico investitore svizzero, ha comprato, ha ripiantato, ha vinto premi, ha guadagnato punti nelle classifiche, ha ridato vita con la sua azienda (Le Piane) ad una zona che oggi vede un manipolo determinato di giovani produttori. Salvato dunque un vino singolare, da terreno vulcanico, minerale; che si fa spazio fra i boschi e sulle tavole del mondo… Eppure se guardi questo signore svizzero pensi sia un impiegato statale; un docente di matematica in pensione; un non so cosa… eppure. Eppure è lui che fa vini buoni, buonissimi, con intelligenza. Ed è un extracomunitario. Ma nessuno si lamenta di lui. Anzi rappresenta un modello di cittadinanza attiva, di borghese illuminato, di cittadino del mondo che è venuto in Italia ad investire e a vivere. Ci sono extracomunitari ed extracomunitari, vero, però la sua vicenda fa pensare. Non è sullo straniero che dovremmo concentrare le nostre attenzioni, semmai sulle regole e sull’intelligenza piuttosto. Passi lo straniero…

Visite: 43

Le Masche dell’Arneis

Quella delle “masche” è un’interpretazione romantica delle streghe: un fenomeno (nel senso che è esistito) storico che ha provocato sofferenza, dolore, umiliazione, morte… nel tardo medioevo e già in età moderna, alcune migliaia (chi dice unità e chi decine) di donne e, pochi, uomini sono stati processati, torturati e spesso uccisi col fuoco. Accusa? Essere delle streghe; avere poteri magici ed usarli per fare del male; essere succubi del diavolo, praticare con lui una sessualità contronatura… E non è una “fola”: è avvenuto davvero. Ora, fra le varie ipotesi quella del Romanticismo: le streghe erano donne a contatto con la natura, che ne vivevano i ritmi e conoscevano le erbe, guarivano… le “masche” appunto; un femminismo ante litteram che veniva spesso violentemente schiacciato da un potere maschile forte. Trovarle ora su una bottiglia di vino mi ha dunque un po’ sorpreso. Anche perché si trovava di un vino nuovo e per ora raro.

Si può fare da poco, infatti, l’arneis roero docg riserva. Un vino bianco ben strutturato e destinato a durare per anni. Stile francese per intenderci. Il primo che noi abbiamo assaggiato è il Deltetto 1953 anno 2017. Un vino assai corposo, profondo, morbido e fresco… vino che durerà anni, certo. In etichetta un bel disegno di Elisa Talentino, con oscuri riferimenti ad una personalità magica: una “masca” appunto. Dalle 1979 bottiglie 60 magnum realizzate si ricaveranno anche dei soldi da destinare alla Casa delle Donne di Bologna. Bella iniziativa.

Una bella iniziativa che serve certo, idealmente, a risarcire quelle donne che soffrirono secoli fa: le “masche” di ieri che aiutano le donne di oggi. Prima di una seria riflessione storica è già qualcosa e il vino è anche buono.

Visite: 95

Chi sceglie il prezzo del vino?

Ovvio, voi direte: il prezzo lo fa il produttore in base alle sue scelte. Se il vino è frutto di ricerca, di selezione, di cura… il prezzo sarà più alto. Mah, quello direi è il prezzo di produzione. Un fattore che non determina il prezzo di mercato, se non in parte. Se un vino è, per esempio, barriquato, costerà di più. La barrique costa e perde anche un po’. Ma il cliente sarà disposto a pagare la differenza? E qui sta il busillis del marketing: convincere il cliente che è giusto pagare di più. Qualcuno ci riesce a malapena, altri bene, pochi assai bene: al punto di far pagare il loro vino molto di più del loro costo di produzione e del giusto ricarico aziendale. Sono nomi noti, famosi, territori assai richiesti, tipologie assai amate… quando mi chiedono perché costino così tanto, la risposta è sempre un parallelo con la moda. Il prezzo lo decide il consumatore con il suo borsellino.

Pensavo questo, giorni fa, quando mi hanno fatto assaggiare (grazie!) un vino assai potente e ricercato: Argille, barbera al 100%, di Monte delle Vigne, colline parmensi. Un vino molto interessante, ma insolito per la zona: selezione dei grappoli, vigneti vecchi, esposizione; potente,due anni di barrique e due anni di affinamento in bottiglia; profondo nei profumi terziari, lungo, alcolico, persistente, tannico da legno… trenta euro la bottiglia.

Li valeva tutti direte, ma per me no. Il mio pensiero andava ai tanti barbera, anche superiori, altrettanto buoni e ricercati, che avrei potuto comprare con meno. E il prezzo, come sempre, l’ha fatto il consumatore.

Visite: 89

Si dice rosso ma si beve rosa

Sarà un’impressione, ma si beve sempre di più rosato e sempre meno rosso. Nella mia zona, quella delle Colline Novaresi e Rive del Sesia per capirci, tutti sono orgogliosi dei propri vini rossi. Soprattutto di quelli a base nebbiolo: il ghemme docg, il gattinara docg, il boca doc, il sizzano doc e il fara doc… tutti bei rossi strutturati, ricchi di alcol e tannini, da far maturare a lungo in botte o in barrique. Insomma, dei gradi vini: di quelli che durano, si evolvono… però!

Però, se parli, guardi, ascolti… ti rendi conto che vendono molto di più le bottiglie di vino rosato, a base nebbiolo o vespolina o entrambe le uve. Là partite di centinaia di bottiglie che vanno nel mondo, qua partite di migliaia che vanno soprattutto in nord Europa.

Nel 2018, il migliore rosato del novarese

Più rosati che rossi, dunque, ma nessuno sembra accorgersene. O forse non fa piacere ricordarlo. O forse mi sbaglio… non so.

Visite: 85

Riflessioni su Taste Alto Piemonte a Novara edizione 2019

“In primis, complimenti all’organizzazione! Ogni anno è meglio. Quest’anno è stata cambiata la disposizione degli stand, con quelli dei prodotti alimentari (19 aziende: formaggi, riso, pasta, dolci, confettura, sottoaceti/sottolio, birra, ecc) al piano terreno. L’anno scorso invece erano al piano sotto, sembravano un po’ messi in castigo. Lì, quest’anno hanno tenuto i seminari di approfondimento: collocazione perfetta (tranquilli, lontano dalla mischia, dal rumore, ecc.) – perfetto!

Il vino si trovava al primo piano, con i 50 produttori/stand ben distribuiti, in ordine alfabetico, quindi facili da trovare specifiche cantine. Tavole un po’ piccoli, però, così che, quando c’era tanta gente, diventava difficile parlare insieme o neanche avvicinarsi (perciò non sono riuscita a “scoprire” alcuni produttori che mi interessavano, soprattutto i nuovi).

Quello che mi ha colpito di più questa volta è stato trovare molte cantine nuove e tanti produttori giovani, soprattutto, sia di seconda generazione sia protagonisti di una loro iniziativa imprenditoriale.

Vini buoni -tutti-  fatti con cura e senza difetti (direi solo nel prezzo… alcuni mi sembravano un po’ cari per la zona e la mancanza di “nome” o di reputazione consolidata). Tanti appena imbottigliati ma grande promesse….

Bianchi molto profumati e belli freschi; ma quelli che mi hanno lasciati “bocca aperta” ma soprattutto a “naso felice” sono stati i rosati! Veramente straprofumati, freschi, puliti, direi anche eleganti – una goduria!

Pietra Forata – per me un grande – tutti top ma il rosato in modo particolare – pieno di profumi, pulito, persistente – e il Vespolina, imbottigliato da un giorno, preso dalla vasca!

Bramaterra e Lessona veramente interessanti – ho assaggiato La Prevostura, rosato stellare (imbottigliato la settimana scorsa), fruttato, bella acidità e tannini fini, molto persistente; ma tutti molto eleganti e profumati. Un nuovo produttore – Noah– molto bravi anche loro vini erano molto eleganti, profumati, bella mineralità, tannini presenti ma fini, armoniosi… poi Pietro Cassina, che fa anche una Erbaluce Metodo Classico 3 anni sulle fecce – buono! Tenuta Sella, con diversi vini sempre fatti bene, e Colombera e Garella – pochi vini ma buoni, eleganti, fini profumati. Zambolin Bramaterra 2013: bello, rugginoso, ma ben amalgamato con la frutta matura.

Tenuta Guardasole –Boca (certificato bio)– “figlio adottivo” di Cristoph Kuenzli – vini fatti molto bene: puliti, elegante ed equilibrati.

Del Signore: Extra Brut, metodo classico 2016, 100% Nebbiolo, che è sempre vincente e adesso esce con un Pas Dosé molto interessante, colore buccia di cipolla carica, 48 mesi sui lieviti, in commercio 1 anno dalla sboccatura; La Crotta, Nebbiolo che fa un anno in barrique usata (da Gaja), interessante, bel naso, e tannini morbidi come il Gattinara 2015 (botte grande).

Poi i conosciuti: Giada Codecasa Ca’Nova , Antoniotti, Brigatti (erbaluce), Poderi Garona, Castaldi Francesca – rosato ed erbaluce…Paride Chiovini – vespolina

Nervi invece mi ha deluso…

Ho assaggiato pochi vini però – e purtroppo non ho fatto in tempo a risentire diversi “amici” o provare un paio di nuovi La Tur, o Patrone Edoardo – nuovo dall’Ossola, o Montalbano di Boca, che l’AIS mi ha segnalato”.

Ringrazio l’amica Lauren, l’amica americana, per la cronaca fatta di Taste Alto Piemonte 2019. Miei sono i neretti e le virgolette.

Visite: 140

Sfumature di Barbera

Davvero interessante lezione quella di ieri sera al corso che sto tenendo a Verbania: una lezione sui vini rossi con degustazione di cinque barbare,di cui quattro della stessa azienda. Carino assaggiare insieme e dare ognuno il proprio giudizio.

Cosa abbiamo assaggiato? Della ditta Sulin di Grazzano Badoglio: Barbera del Monferrato Frizzante del 2017: spumeggiante espressione, bella schiuma, semplice nei sui profumi e una freschezza da aperitivo, merenda, amici… Poi una Barbera Monferrato 2016 solo acciaio: profumata, fresca, irruente… barbera nella sua espressione classica. Da cibo, da abbinamento saporito… buona!; e poi una Barbera Monferrato 2015 in magnum, più profonda ed austera, meno irruente al palato, più austera. Da serata a tavola, già impegnativo. Da dosare; poi una Barbera Monferrato Superiore Ornella passata nel legno (500 litri) per 16 mesi. Un vino che ti aspetti: profumi del legno, poi un po’ di frutta (ma poca). Al palato morbido e lungo. Da dopo cena, da sorseggiare.

Poi della ditta Punset di Neive, Langhe, abbiamo assaggiato il Barbera d’Alba biologico e biodinamico del 2017. Un vino austero,dai profumi profondi e dal gusto morbido. Austero nel complesso. Più maturo all’apparenza rispetto all’annata dichiarata e senza l’irruenza classica della barbera.

Barbera di Punset (dal sito aziendale)

Cosa è piaciuto di più? La platea di miei allievi, appassionati consumatori di vino, di varie fasce di età e di varia estrazione sociale (ma in generale nessun super ricco) ha scelto in gran parte il vino passato nel legno. Sorpresa! Poi una pattuglia di donne ha optato per il vino biodinamico. Pochi la barbera del 2015, quella in magnum. Esclusi dai giochi i due vini che mi sono piaciuti di più: la barbera frizzante del 2017 e la barbera del 2016, quella classica.

Come dire che la complessità piace di primo acchito e la semplicità si recupera con l’esperienza. Ma è solo una considerazione casuale che non tiene conto di altri fattori: la mancanza di cibo in abbinamento, l’orario, il clima… Però curioso!

Visite: 81

Rossella ha assaggiato Venissa

Venissa è un vino unico, un progetto, una dedica… https://www.venissa.it/vino/ Lo ha assaggiato Rossella che ce lo spiega. Ma prima un po’ di note tecniche…

Sensory analysis -Venissa 2014: the wine is golden in colour and instantly spicy on the nose with iodine notes and nuances of fleshy yellow fruit. On the palate it is well-structured, full and velvety with dominant almond notes and traces of yellow peaches and honey. Th finale nale is dry, savoury, full and persistent. Venissa is a great collector’s white wine with a long life expectancy. Production area: Venice, island of Mazzorbo – Burano. Surface area: 1 Ha. Grape variety: Dorona. Exposition of the vineyard: east to west, flat and level. Height of the vineyard: variable from 1m to -0,10 m a.s.l. Soil type: silty-sandy, rich in organic material and clay. Canopy management system: Guyot. Plant density per Ha: 4000. Yield per plant: 1,10 Kg. Grape harvesting period: second ten days of September. Fermentation: in glass. Fermentation temperature: 16°/17° C. Maceration period duration: 28 days. Intervention during maceration: punching dow. Ageing: at least 12 months in glass. Dry extract: 28 grams per litre. Alcohol content: 12,9 %Vol. Number of bottles produced 2228 half-litre bottles, 188 magnum, 88 jeroboam and 36 imperial. In Giovanni Moretti’s creation the label has been replaced by a precious sheet of gold fashioned by the modern day descendent of the ancient Battilo- ro family. e leaf was applied by hand and the bottle was then re- fired in the ovens on the island of Murano.

Venissa

Venissa Bianco 2014 è caratterizzato da un colore giallo paglierino brillante. Al naso si apre con un bouquet molto intenso e complesso, con sentori di pera, albicocca, susina, mandorla e spezie, arricchiti da evidenti note iodate e agrumi. Al palato risulta pieno e caldo, di una piacevole mineralità e morbidezza, che invitano alla beva.

Venissa l’ho abbinato a un insalata di mare fresca, come primo piatto a una fregola sarda con vongole e cozze. Fantastico!

Visite: 85

L’Italia Terza: non male. Ma vogliamo parlare del resto?

L’Italia è arrivata terza al Campionato Mondiale dei Sauvignon Blanc, concorso che si è tenuto ad Udine settimane fa e i cui risultati sono stati presentati al ProWein di Dusseldorf (Germania) nei giorni scorsi.

Oltre mille i vini presentati, diciotto i Paesi partecipanti, fra cui spicca -per singolarità culturale- la Turchia. Per il resto tutto noto: Francia, Austria, Italia, Nuova Zelanda, Sud Africa, Spagna, Cile, Bulgaria, Germania, Stati Uniti, Slovenia, Slovacchia, Romania, Svizzera, Repubblica Ceca, Grecia e Argentina.

L’Italia è arrivata terza, superata da Francia con 157 medaglia vinte (i 24% in più rispetto l’edizione scorsa). E superata anche dall’Austria, con 45 medaglie. Tante per un Paese che è un fazzoletto vitivinicolo. Chi se lo aspetterebbe, se non fosse informato?

Sulle 302 medaglie (122 oro e 180 argento) assegnate, l’Italia ne ha prese 35, incrementando del 66% il suo palmares. Due terzi delle medaglie italiane erano targate Friuli Venezia Giulia. Anche qui, un po’ di sorpresa per i non addetti ai lavori, direi.

Abbiamo battuto anche Nuova Zelanda (21) e Sudafrica (14). Ci siamo presi anche un Trofeo con il Sauvignon 2018 Braida Santa Cecilia della Cantina Pitars di San Martino al Tagliamento (Pordenone). Chi sa che nel pordenonese si fa vino, dell’ottimo vino? Pochi credo…

Visite: 106

Il Verde che Sveglia

Per nulla accomodante, elegante nella sua elettricità… Profumato, fresco, deciso: davvero un vino sorprendete il Lanson Green Label che ho trovato per caso lungo la mia strada. Davvero originale ed intelligente, anche se davvero da trattare coi guanti: aperitivo ricco, pranzo estivo, brindisi guascone. Poco zucchero, molti aromi. Poi ponetevi delle domande sul biodinamico (moda o realtà?). Intanto leggete cosa si dice sul sito dell’azienda italiana che lo commercializza:

“champagne prodotto utilizzando esclusivamente uve biologiche allevate nel cuore della Valle di Marne… non solo la scelta di un’agricoltura biologica e biodinamica ma anche la decisione di utilizzare carta riciclata per l’etichetta e un vetro più leggero per la bottiglia. Il brillante color verde della croce Lanson… Tredici ettari, destinati a diventare 15 nel giro di pochi anni, dei 60 attualmente dedicati all’agricoltura biologica nella Regione della Champagne… Il frutto di questo lavoro è uno champagne che è l’espressione più autentica del Terroir, vivace ed elegante. Come tutti gli champagne Lanson anche in Lanson Green Label l’assenza di fermentazione malolattica preserva l’originale purezza e freschezza delle uve che, dopo tre anni trascorsi nelle Cantine della Maison, mostrano tutta la loro raffinatezza e aromaticità. Al naso Lanson Green Label esprime note intense di pera, pesca e ribes nero, accompagnate da profumi di agrumi e spezie e da un fondo di aromi minerali. La frutta matura si ritrova al palato e si fonde armoniosamente con la mineralità, che anticipa un finale fresco e lungo, ricco di note speziate e di frutta esotica. Il brillante color oro, arricchito da sfumature ambrate”.

Visite: 99

Allora Esiste!

Eppure non ci credevo. Ma sbagliavo: il Prosecco docg Millesimato esiste! Leggo e rileggo con attenzione il disciplinare di produzione del Prosecco di Conegliano e Valdobbiadene docg e lo trovo, articolo 7 comma 5: “è consentito riportare il termine “millesimato”, purché sia ricavato con almeno l’85% del vino dell’annata di riferimento indicata in etichetta”. Dunque non è -come immaginavo- un inutile e pleonastico aggettivo, scimmiottato dallo Champagne. Si tratta di una definizione disciplinata.

Dunque, finché non trovo qualche decreto applicativo, debbo pensare che: il Prosecco non millesimato sia fatto con percentuali anche maggiori di vini di annate precedenti. Come gli champagne, dunque. Dei SA… Quando sale detta percentuale, si può fregiare dell’appellativo “Millesimato”. Ma non lo trovo scritto da nessuna parte. Lo deduco. Potrei sbagliarmi. Come chiarezza espositiva, comunque, non c’è male. Sia detto con ironia.

Visite: 91

Prosecco o no, cara è!

Sullo scontrino c’è scritto “prosecco”, ma in realtà il vino non lo era: era un normale vino bianco fermo. Roba da bar, appunto: sanza infamia e sanza lode direbbe il Poeta. Lo ricordo bene, nonostante si fosse nel pieno del furore alcolico del carnevale della mia città. Ho accompagnato sì un mio compagno fra i tavolini, affinché non cadesse per terra, ma io non ero così ubriaco. E ho comunque notato che la barista mi ha chiesto 24 euro per una bottiglia di vino bianco (il suddetto) e un bel tagliere di salumi e formaggi e pizzette e patatine… roba classica da aperitivo sul Lago. Tanto o poco? La banda gliene aveva già bevute tre, più una dozzina di birre. Sono andato via, prima che arrivasse il conto finale. Comunque… comunque per una bottiglia così, in un bar bello ma non il Florian, 24 euro sono un po’ troppi: si tratta di cinque euro al bicchiere, quattro. Sarebbero bastati 15 o 18 euro massimo. Ma si sa, a Carnevale…

Visite: 89

Un Buon Barbera

Maria Cristina mi ha chiesto un parere sul vino prodotto da una sua amica. Ed ecco qui la bottiglia di Barbera del Monferrato doc 2016 Robella dell’Azienda Agricola Rosa – Clot di Cartosio; eccola qui che si apre e si fa gustare: buoni profumi di frutta ed in bocca morbido, pieno, equilibrato. Buono. Lo consiglierei? Sì, lo consiglierei.

Maschile o femminile? Non so, a volte dico il barbera a volte la barbera. Per la sua struttura maschio direi; per la sua freschezza ed irruenza, femmina.


Visite: 165