Categoria: Ristoranti

0

Loca-list

Ecco, sfoglio con curiosità la classifica di 50TopItaly 2020 uscita ieri. Sono alla ricerca dei ristoranti dove vorrei andare e dove sono già andato: nella mia zona, in primo luogo. Ovviamente.

0

50 Top Italy 2020

Il 20 ottobre la Guida On Line 50Top Italy presenterà i premiati e i segnalati. Bella cosa, direi. In streaming, per sicurezza covid. Intanto si sanno già i premi speciali:
Ospitalità 2021 a Da Vittorio – Brusaporto (BG), Lombardia (ottimo davvero);
Performance dell’Anno 2021 alla Trattoria Da Burde – Firenze, Toscana (da provare);
Tradizione Familiare 2021 a Sora Maria e Arcangelo – Olevano Romano (RM), Lazio (idem).

Sarà possibile seguire la cerimonia di premiazione, che vedrà la conduzione di Federico Quaranta, in diretta streaming sulle pagine Facebook di 50 Top Italy, 50 Top Pizza, Voce di Napoli, Reporter Gourmet, Food Napoli, Luciano Pignataro Wine&Food Blog, sulle pagine partner e sul profilo Instagram di 50 Top Italy.

0

Ibridazione Sbagliata

Se sei a pranzo (o cena) e non finisci il vino, lo puoi portare a casa. Se non lo porti a casa, lo “regali” al locale che ne può fare cosa ne vuole: lo assaggiano i camerieri, lo assaggia il patron, finisce nel vino al bicchiere. Di certo non lo buttano via.
Se sei ad una degustazione, però, il vino che assaggi (e certo non finisci) non te lo puoi portare in via. Lo assaggiano anche altri. Anche se ne fosse avanzato poco, non te lo porti via. Non si usa: tu paghi l’assaggio di più vini. Stop. Però…

0

Una Fiorentina Dove Non Te l’Aspetti!

Accompagno un gruppo di amici da Giada Codecasa, da Ca’ Nova a Bogogno, ad assaggiare vini. Assaggiamo il suo spumante metodo classico, il suo rosato di nebbiolo, un ghemme docg 2011 e il suo San Quirico 2009. Piacevole degustazione.
Per pranzo abbiamo prenotato in una trattoria lì vicino, L’Orso Ghiotto di Agrate Conturbia. Menù semplice, quasi tutto fatto in casa e bene, con qualche spunto di originalità (direi soprattutto le carni). E lì, verso il fondo, uno dei monumenti della cucina tradizionale regionale toscana: la Fiorentina. La superbistecca da oltre un chilo. La mangiamo in tre, anzi, in due e un quarto (una signora del gruppo, Barbara, ne prende infatti tre fette). Tanta roba!

0

Okkio allo Scontrino!

Sbagliare il conto del cliente è un errore grave. Non tanto per la tua buona fede (hai sbagliato ma non volevi rubare nulla), quanto per i sospetti che esso comunque ingenera (ci provano, sai!). Per cui è meglio: 1) stare attenti quando fai il conto; 2) se sei cliente, leggerlo con attenzione prima di andarsene. Così è capitato anche a me, in una bella pizzeria di Borgomanero (No), Mediterraneo: locale dalla pizza buona, ristorazione di pesce e lista vini non male, con una paginata di champagne!

0

Intendiamoci

Ecco, invece, anche la Treccani se n’è accorta. Le Osterie oggi sono locali di tono. Me ne sto accorgendo anch’io, frequentando locali come Carlo e Tina Osteria di Maggiora (No) in cui della mia idea c’è solo il richiamo alla tradizione dei piatti proposti. Una tradizione curiosa, mix di Toscana e Piemonte, visto la duplice origine dei giovani gestori (conosciutisi a Parma, ad Alma).

0

Congiunto a Chi?

Ecco, i mondi paralleli esistono! Ha ragione la fisica quantistica… strani pensieri mi passavano per la testa ieri mattina all’assemblea delle Pro Loco del Piemonte, mentre ascoltavo il tecnico, docente universitario a contratto, c spiegava alle Pro Loco che devono comportarsi “come i ristoranti”. Cioè prendere nota del nome e del telefono, distanziare e -soprattutto- farsi firmare una dichiarazione che si è a tavola “con congiunti”. Maddai!

0

Sempre Bello

Sempre bello tornare alle Cantine Garrone di Oira di Crevoladossola (Vb): il luogo è ben tenuto, tradizionale ma moderno, il vino è buono, assai diverso dal vecchio vino ossolano aspro e magro di anni fa. Sì, asprezza ce ne è ancora un poco, ma è una caratteristica piacevole che chiama fomaggi e salumi e pane nero di segale…

0

Questa mi piace!

Lasciate stare il lessico e lo stile pomposo del comunicato (che vi risparmio): è una bella iniziativa e mi piace molto. Da copiare vicino a casa, anche perché per me il ristorante è lontano. Cibo, viaggi e raccontare storie… davvero molto. Ecco qui; www.gustosenarrazioni.it

0

Patatine Mon Amour

E sì, ero Da Ninetta ad Annone Veneto,”Tradizione veneta, Cicchetteria, Osteria”, sulla strada per il mare. Suggerimento di Carlo e Flavia. Ed ero alle prese con una trattoria di ottima fattura, ottimo pesce (cappelunghe al top!), pane fatto da loro, ottimi vini, grande professionalità, territorio, tradizione e passione. E in più le “patatine fatte in casa”,

0

La Germana

Se ti piace la cucina tradizionale, magari con intelligenti, leggere rivisitazioni; sarebbe meglio o imparare a cucinare o a mantenere in salute mamma e nonna o avere un’amica che sappia cucinare e bene.

0

Se passate da I Tigli

Se passate da I Tigli, da Simone Padoan, a San Bonifacio (Verona), abbiate un gesto di rispetto: la moderna pizza italiana è nata qui. Che se ne facciano una ragione i campani e i meridionali in genere. Se non ci fosse stata questa sfida, saremmo ancora al credere che sia...

0

Da Pepi

Finalmente sono riuscito a mangiare Da Pepi, a Trieste. Un buffet tipico mitteleuropeo con carni di maiale bollite, anzi cotte in caldaia, e poi salse nordiche come il rafano (o cren o kren che si voglia), senape e birra.