Categoria: Personale

0

Sul Treno

L’ultima volta mi è tornato alla mente Saccoletto con i suoi vini originali, fermentazioni spontanee, assenza di solfiti…non ricordo esattamente. Ricordo però bene che mi piacque molto il bianco I Tigli e che lo ricercherò appena si potrà.

0

Cose (belle) che capitano

Capita che in queste giornate di lockdown ti rilassi un poco seguendo una presentazione di vino (eh sì, proprio una passione) on line e che le parole e le descrizioni di chi assaggia ti portino con il pensiero sul Lago di Garda, nella Valtènesi bresciana, dove si fa un rosato che sembra avere stoffa, profumi e gusto lunghi: da assaggiare e, magari, passare di là se capita per visitare e comprare in loco.

0

A Proposito di Autismo

Il mio piccolo contributo per migliorare la conoscenza, la consapevolezza degli altri. Che vivono con noi e con cui dobbiamo imparare a vivere. Perché è giusto così. Due video che ho girato per Maresca Onlus e per il Convegno on line “Gli altri e la diversità” di cui trovate traccia nell’omonima pagina YouTube. Ecco il primo:

0

Intorno a Me

i signori che costruirono il quartiere sono quasi tutti morti, alcuni figli se ne sono andati ed altri rimasti; si sono aggiunte altre famiglie che arrivano da ancor più lontano: romania, albania e brasile… tutti lavorano ed hanno figli. Ci si saluta, si fanno due chiacchiere. I loro figli giocano con i figli del mix presistente, dando vita ad una nuova generazione di italiani che studierà, lavorerà, si sposterà ancora. Altro che centro e periferia: tutto sarà mescolato.

0

Un Mazzetto di Erbe a Pontiana

Vorrei tornare a Pontiana, un punto fra Novara e Vercelli. Ci sono passato un settembre di due anni fa, percorrendo le vie e le strade fra le risaie. Ieri era un posto tappa per i pellegrini lungo la Francigena, oggi l’antico convento è abitato da creature silenziose, uno spazio fra due mondi. Del passato conserva il bel chiostro e l’antica chiesa con affreschi medievali. Affreschi di santi, martiri, miracoli, storie antiche, sotto cui dormivano i pellegrini.

0

Donne da Lockdown

I ristoratori ok, ma anche le donne con figli (e un lavoro) sono tanto vittime di questi lockdown, e in più della Dad. Su di loro, infatti, si scarica ancora tutto il peso dei ragazzi a casa, del lockdown familiare e della Dad

0

Cose Nuove

Da quando è incominciato questo “big crash” ho imparato a fare molte cose. Ho imparato a stare da solo, senza sentirmi solo. Ho imparato a gestire i miei contatti, per non perderne nessuno. Ho imparato ad usare la tecnologia, senza snobisticamente dirmi contrario. Ho imparato… Davvero molte cose.

0

Gli Asinelli e Israele

Sono al mercato con mia sorella: attendiamo il turno per essere serviti dal verduriere. Il signore davanti a noi sta scambiando due parole con il commerciante: “in Israele giravano con il carretto con l’asino fino a ieri ed oggi ci battono coi vaccini… siamo diventati terzo mondo!”. Queste parole mi hanno colpito, fra le altre, perché piene di curiose inesattezze

0

Gente che Va (poi Torna?)

Un luogo tranquillo: era questo il titolo originale della prima versione dell’opera, eseguita da Böcklin dopo una gestazione molto meditata su commissione di Alexander Günther, il suo mecenate ricco e misterioso: «L’isola dei morti è pronta, finalmente» gli comunicò in una missiva del 19 maggio 1880 «e sono convinto che susciterà l’impressione che desidero». La prima delle cinque versioni è conservata a Basilea.