Categoria: Covid 19

1

La Dad è di Destra?

Ora siamo in Dad e ce ne lamentiamo: scuola surrogata, paliativo… e dall’altra c’è chi dice che, no, se i ragazzi vogliono imparare imparano a prescindere, che la smettano di lamentarsi e che la Dad va bene così… L’impressione è che la verità, il miglioramento, l’accumulo di esperienza non lo voglia nessuno: quello che conta sono le polemiche del momento. Ma la Dad è di destra o di sinistra? O checiazzecca?

0

Si mangia male?

In Italia si muore molto di covid, specialmente se si è anziani. Perché gli anziani italiani sarebbero peggio messi rispetto a quelli del resto del mondo. Se sì, come mai? Mangiamo male? Siamo pigri? Beviamo troppo? Viviamo in città inquinate? Leggiamo poco e dunque siamo poco lesti di cervello? Cosa?

0

Caffettiere

Quando sei chiuso in casa, pensi alle cose belle e buone che hai in casa. Cose piccole come la tua caffettiera Alessi. Quella che usi ogni giorno. Ogni giorno la pulisci e la riempi e la metti sul fornello. Poi ti siedi ed attendi e pensi e fai il punto...

0

Gelati

Quando sei chiuso in casa, pensi alle cose belle e buone che hai lasciato fuori. Cose piccole come la gelateria Casa del Gelato di Caorle, dove ogni anno mi concedo una coppa con qualche gusto particolare. Tutti buoni e molti quelli premiati. Mi siedo, assaporo e godo del momento: sole,...

0

Sbobba da Covid

Ci risiamo, sono chiuso un’altra volta. Ma questa volta sono solo. Sì, ho Cesare, ma è un gatto e non sa cucinare. E poi è dispettoso: fa danni. Per cui passo dall’altra parte: non mangio, cucino. E non è una bella esperienza. Provo a fare una minestra: ho della zucca...

1

Nuove Forme d’Isterismo

Le due mi apostrofano ed io le mando “a quel paese”. Sbollita la sorpresa, salgo e poi ridiscendo nel bosco e penso alla scena. Davvero un po’ isteriche le due. Ma sono sempre così o è il momento? Non so, forse è un caso. Un caso capitato a me. Davvero strano.

1

Passi Bruno…

Passi Bruno che mi dice di avere dei sospetti sul covid: opera degli scienziati cinesi mi dice. E diffusi dalle ditte farmaceutiche, aggiunge. Per poi vendere il vaccino, ovviamente… olè! Passi Bruno che è sempre stato confuso e facile alle favole. “Hanno contato anche i morti degli incidenti stradali come covid”: ma dai! Un complotto…
Passi Bruno che passa il suo tempo nel suo orto e che non legge nulla da anni. Passi… ma l’amico professore che davanti ad un bicchiere di prosecco (“pieno di solforosa… fa venire il cancro!”) ti racconta che il covid non esiste, anzi sì, ma che si può combattere con la “vitamina C liposilubile”. Che te ne farà avere (ma dai, quando?) e che lui “sta ringiovanendo” e che, “come è scritto nell’Antico Testamento”, “vivrà fino a 120-140 anni”. Mamma mia! E poi un richiamo ad un’altra storia, ad altre storie pazzesche: “lo sanno bene i Rothschild -ne vedi mai uno in giro?- che infatti vivono ben oltre i cento anni!”. Ecco, i Rothschild. Mi mancavano da alcune settimane: Danilo, imprenditore, mi disse che sono loro, con altre 12 famiglie a comandare il mondo e diffondere il virus… altre teorie, altre persone. Però, passi Bruno… ma gli altri? Mamma mia!

0

Covid Cavern

Che errore! Il virus si passa anche fra congiunti, non guarda i rapporti di parentela, di clan, di paese… Lo avevo già notato mesì fa: a Roma e Milano tutti ben distanziati e con mascherina; ad Omegna, mio paese, in piazza e nei bar tutti in libertà, mascherina optional… Un pensiero errato, comportamenti sbagliati.

0

Corpi

Mi è arrivato via whatsapp un documento che avrebbe dimostrato che negli ospedali italiani segnano come morti di covid, anche chi di covid non è morto. Si tratta di una tesi riduzionista tesa a dimostrare che il potere politico (qui Conte, in Usa i nemici di Trump, in Brasile gli avversari di Bolsonaro etc etc) usa il covid per tenere soggiogato il popolo con l’uso della paura. Tesi interessante e apparentemente verosimile, ma falsa. O meglio: senza uno straccio di prova ed inverosimile: tutti i Paesi del mondo? Ed ecco allora le teorie complottiste mondiali, ancora più inverosimili…

0

Il primo vino dopo

Nei giorni del dopo covid 19, a casa, in auto isolamento, nonostante la negatività… arriva Alberto e ci accomodiamo in cortile. A debita distanza. In mezzo una bottiglia di vino su un tavolino improvvisato. Buona. Per festeggiare il mio ritorno. Una bottiglia importante. Per me, perlomeno. Ma anche Alberto ha...