2Spaghi è morto: chi mi ridarà i miei post?

2Spaghi è Morto: chi mi ridarà i miei post?

La piattaforma social 2Spaghi è morta, sparita. Persa probabilmente nello scontro con la corazzata Tripadvisor. Ed io che ci ho collaborato per anni… o meglio: ed io che per anni ho pubblicato brevi post-recensioni di ristoranti e quant’altro… ecco, dicevo: io che ci ho scritto, gratuitamente, oggi non ho neppure la consolazione di poter recuperare i miei post. Spariti, puff…, nel nulla della rete.

Forse vivono in qualche screenshot, o copiati in file remoti: amici, nemici, estranei, donne deluse… Non so, ma c’è da riflettere.

Quando si scrive per un social automaticamente si rinuncia ad ogni proprietà intellettuale (ed anche affettiva, mi viene da dire). Non è più roba tua. Siamo tutti coscienti di ciò? E le foto che pubblico su FB? Idem. E se FB sparisse? Con lei sparirebbe un pezzo della mia vita. Che non è più mia: foto, ricordi, opinioni, password, discussioni…

Già, chi mi ridarà i miei post su 2Spaghi e chi mi ridarà in futuro ciò che la rete si ingoierà?

Visite: 2452

Riccardo Milan

Riccardo Milan Professore, giornalista e blogger Professore della scuola alberghiera “Erminio Maggia” di Stresa; giornalista pubblicista (iscritto all'Ordine dei Giornalisti del Piemonte tessera n° 59377 del 6 - 6 - 1991), blogger con il blog Allappante.it, dall'ottobre 2017 linkato da La Voce di Novara on line; direttore della rivista "Paese Mio" edita dal Comitato Unpli del Piemonte; collaboratore di "Arcobaleno d'Italia"; ha scritto anche due libri di cucina, nonché altri di storia locale; si è occupato per anni di cultura materiale: vino, gastronomia, cucina per lo più tipica, storia di...; docente a tempo in alcuni centri di formazione professionale, anche nel carcere di Verbania; consulente per la realizzazione e gestione di carte dei vini, corsi e didattica sui vini e sui prodotti tipici. Ha collaborato ad inizio Duemila con la Fic (Federazione Italiana Cuochi), in segreteria e nella redazione della rivista "Il Cuoco". Allievo di Luca Maroni. Già membro dell'Aies, dell'Adam (diplomato Idrosommelier) e dell'Aims. Organizzatore e collaboratore di banchi di assaggio vini, Sanvino e il Lago d'Orta Wine Festival. Socio attivo di Slow Food, condotta verbanese. Socio ed ex presidente dell'Associazione Turistica Pro Loco di Omegna; membro da più mandati della Giunta Provinciale Unpli Vco e del Consiglio regionale Unpli, della Giunta del Piemonte da due mandati; e dal 2016 nel Consiglio nazionale Unpli. Vive sul Lago d’Orta.

Potrebbero interessarti anche...

4 risposte

  1. MAURIZIO BRACH ha detto:

    Condivido in pieno. Anch’io ci sono caduto…
    Pazienza.

  2. maurizio ha detto:

    o poverini,come mi dispiace,del resto chi sa fare fà e chi non sa fare critica ah ah ah !

    • Riccardo Milan ha detto:

      Si dice così, però: chi sa fa e chi non sa insegna (o critica, se si vuole ampliare). In ogni caso la critica è un diritto costituzionale, direi. Fa parte della libertà di pensiero e parola. Sempre che non sia insulto gratuito… ovvio

  3. Ibiza ha detto:

    Personalmente non sono rimasta amareggiata dalla perdita del materiale che avevo pubblicato su 2spaghi quanto dal tempo che ho perso per la redazione della Spagoguida, pubblicazione che ha portato soldi solo nelle tasche di chi poi ha venduto tutto senza un cenno di ringraziamento o saluto.
    Comunque devo a 2spaghi l’incontro con persone che mi hanno insegnato tanto in fatto di ristorazione: chef, gestori e proprietari di ristoranti, pizzaioli, camerieri ecc.. che mi hanno aperto i loro mondi e ciò che ho perso in qualche modo mi è stato reso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.